13 dicembre 2011

Music Corner: David Garrett, Teatro filarmonico di Verona

Oggi andrò a parlare di un live che ho visto di recente, precisamente il 28/11/11.
Il soggetto in questione è il bravissimo violinista David Garrett, famoso per la sua originalità nel coverizzare canzoni rock portandole a un genere classico (con, appunto, il suo violino e l'orchestra).
Ma questo omino ha anche la capacità di fare il contrario: portare canzoni classiche al genere rock! E ciò è tutto dire. :3

Dire che è un genio è dire veramente poco, e a parole è inutile esprimere ciò che riesce a fare. Vi posto direttamente un video, non caricato da me, ma preso al concerto fatto al Teatro filarmonico di Verona.
Smells like teen spirit.



Ecco, questa è decisamente una delle mie preferite. :3
Ma passiamo ai fatti: Garrett è una persona simpaticissima! Con un gran senso dell'umorismo, spesso interagiva con il pubblico parlando ovviamente in inglese. C'è anche da apprezzare, però, i suoi sforzi nel parlare italiano! Ah ah ah. Tra una canzone e l'altra era solito parlarci di qualcosa, qualsiasi cosa, in modo tale da fare un'introduzione per poi iniziare con il pezzo. Il pubblico lo ha apprezzato veramente molto, e Garrett ha altrettanto apprezzato il bellissimo teatro che ci ospitava! (E vorrei ben vedere :3)


Emozione fortissima quando ha iniziato con questa canzone: la colonna sonora dei Pirati dei Caraibi (che, anche se ho iniziato a vedere i film precisamente da due giorni e nonsoquante ore, conoscevo e amavo già la colonna sonora in questione.)




Beh, non ci crederete, ma mentre tutti urlavano io non capivo quale canzone fosse. X'D
Dopo un po' sentirete un urlo isolato -ritardato, quanto la mia mente-, ed ebbene sì, è il mio. XD Si è girato mezzo teatro, ma questi sono dettagli di poco conto. Dopo essermi accorta della mia bellerrima figura sono scoppiata a ridere e mi son fatta piccina picciò. :3

Per non parlare di quando ha suonato Asturias. E "I'll stand by you": se non fossi stata così ipnotizzata e in totale adorazione, avrei sicuramente pianto. Il violino, in queste canzoni, è davvero una botta al cuore, e Garrett utilizza il proprio strumento in modo impeccabile, trasmettendo al pubblico un'emozione infinita.
Il concerto purtroppo si chiude -dopo un'ora e mezza- e lo fa con Hey Jude, che io non apprezzo particolarmente (parlando dell'originale), ma che Garrett riesce in qualche modo a farmi piacere comunque grazie al suo violino e al romanticismo che trasmette!





Detto questo, ci tenevo a realizzare questo piccolo resoconto di una serata che ho veramente amato con tutta me stessa. Anche perché, sono riuscita ad incontrarlo e a scucirgli un autografo dalle mani! *^*
Piccole gioie che danno un senso alla propria vita.

Grazie, David. <3

Nessun commento: