31 gennaio 2012

Novità: "Classici su misura" di Gennaio, by Newton Editori


 

Apprendo con grande gioia (l'ultimo del mese, eh) che questo Gennaio è ricco di tante nuove edizioni economiche dei classici più amati! 
Come risaputo, il prezzo oscilla dai 4 ai 6 o 7 euro, cosa che gradisco veramente molto. 
Possiedo già molte edizioni di questa collana e non ne sono mai rimasta delusa. Insomma, ad un prezzo più che modico possiamo permetterci di leggere i più bei classici di sempre!
Targati dalla Newton Compton Editori, vi riporto qui alcune copertine e, in seguito, una parte della lista dei classici che potremo trovare questo mese in libreria.

(Per quanto mi riguarda, prenderò sicuramente Agnes Grey! Qualcuno mi consiglia dell'altro? :3)






  • Anne Bronte: Agnes Grey
  • Balzac: la fanciulla dagli occhi d'oro
  • Beccaria: dei dilitti e delle pene
  • Blake: poesie
  • Bulgakov: romanzi e racconti
  • Campanella: la città del sole
  • Cicerone: l'arte di saper invecchiare
  • Conan Doyle: Sherlock Holmes
  • Conan Doyle: l'ultimo saluto di Sherlock Holmes
  • Conrad: lord Jim
  • Defoe: moll flanders
  • Dickens: le due città
  • Erasmo da Rotterdam: elogio alla follia
  • Eschilo: tutte le tragedie
  • Esopo: favole
  • Fedro: le favole
  • Freud: psicoanalisi dell'arte e della letteratura
  • Freud: psicologia e metapsicologia
  • Gogol': tutti i racconti
  • Hardy: Jude l'oscuro
  • Kierkegaard: diario del seduttore
  • Kipling: tutte le storie di Puck il folletto
  • London: il lupo dei mari e racconti della pattuglia guardiapesca
  • London: il tallone di ferro
  • London: Martin eden
  • Lovecraft: la tomba
  • M. R. James: tutti i racconti di fantasmi
  • Machado: poesie
  • Machiavelli: mandragola
  • Mansfield: tutti i racconti
  • Maometto: le parole del profeta
  • Marco Aurelio: l'arte di conoscere se stessi
  • Molière: il malato immaginario
  • Montaigne: dizionario di saggezza
  • Nietzsche: genealogia della morale
  • Nitezsche: aurora
  • Petronio: satyricon
  • Grimal: la civiltà dell'antica roma
  • Pirandello: il turno
  • Pirandello: Liolà i giganti della montagna
  • Pirandello: Pensaci, Giacomino!, la giara, lumie di sicilia
  • Pirandello: i vecchi e i giovani
  • Pirandello: Cosi è, come prima, la vita che ti diedi
  • Pirenne: storica economica e sociale del medioevo
  • Platone: Processo, prigionia e morte di socrate
  • Poe: le avventure di Gordon Pym
  • Poe: il corvo e tutte le poesie
  • Propp: morfologia della fiaba
  • Sade: la nuova Justine
  • Salgari: Sandokan, i pirati della Malesia
  • Salgari: il corsaro nero
  • Schopenauer: saggio sulla visione degli spiriti
  • Seneca: l'arte di essere felici e vivere a lungo
  • Senofonte: anabasi, elleniche
  • Svevo: i racconti
  • Tagore: poesie d'amore
  • Tasso: gerusalemme liberata
  • Wilde: tutti i racconti
  • Woolf: notte e giorno
  • Woolf: la crociera
  • Woolf: tutti i racconti
  • Yeats: fiabe irlandesi
  • Zola: lo scannatoio
  • Zola: i misteri di marsiglia
  •  
Per vedere gli altri titoli, vi riporto a questo link: Classici su misura, Gennaio

25 gennaio 2012

Novità: "Il Circo della Notte", di Erin Morgenstern

 

Titolo: Il circo della Notte
Autore: Erin Morgenstern
Editore: Rizzoli
Prezzo: 18,50 €
Data d'uscita: 25/1/12











TRAMA:

Londra, 1886: il circo compare all'improvviso, senza annunci. Gli spettacoli cominciano al calar della notte e finiscono all'alba, quando il cancello chiude i battenti e i tendoni bianchi e neri spariscono alla vista. È "Le Cirque des Rêves", il circo dei sogni, il luogo dove realtà e immaginazione si fondono e la mente umana dispiega l'infinito ventaglio delle sue potenzialità, seguito da un esercito di appassionati disposti a tutto per vedere le sue straordinarie attrazioni: acrobati volanti, contorsioniste, l'albero dei desideri, il giardino di ghiaccio... Ma dietro le quinte due maghi, da sempre rivali, si sfidano per il tramite di due giovani allievi scelti e addestrati al solo scopo di stupire e umiliare l'avversario. Contro ogni regola e ogni aspettativa i due giovani, Celia e Marco si scoprono attratti l'uno dall'altra: il loro amore è una corrente di elettricità più forte di qualsiasi magia, che minaccia di travolgere i piani dei loro maestri e di distruggere il delicato equilibrio di forze a cui il circo deve la sua stessa esistenza.

22 gennaio 2012

Give Away: "Io sono Dorian Dum", di Fabio Mundadori

Come vi avevo promesso ieri, piano piano porterò qui molte novità ed eventi interessanti.
Oggi, però, annuncio con grande gioia il PRIMO GIVEAWAY del blog. 



Il libro messo in palio è "Io sono Dorian Dum", di Fabio Mundadori.
Autore emergente, vissuto prima a Bologna e in seguito trasferitosi a Latina, nel 2010 decide di pubblicare una raccolta di racconti con l'editore "Ego edizioni". Prima di questa raccolta, riuscì già ad accaparrarsi il primo premio della seconda edizione di "Giallolatino", con il racconto "Notti di luna Iena".

TRAMA:   Quanto è davvero rassicurante la vostra realtà? Quali certezze circondano realmente la vostra esistenza? Quanto è sottile il confine tra la luce del sole ed il crepuscolo? Dodici racconti per rispondere a queste domande, dodici racconti nei quali la realtà assume il ruolo di comparsa accanto ai protagonisti veri come la fantasia (Eroi), l'incredibile cinismo dei numeri (TrentaNove), la meticolosa brutalità di un serial killer (Notti di Luna iena), una seducente donna vampiro (Appena dopo il crepuscolo), la vendetta affilata come una katana (Lama non lama). Salti di tempo e spazio, colpi di scena e finali a sorpresa vi condurranno attraverso un'atmosfera noir pervasiva come la nebbia in autunno. E non stupitevi se chiudendo l'ultima pagina vi starete ancora domandando Chi è Dorian Dum?




Tanto per soddisfare un po' di curiosità, vi linko anche il BOOK TRAILER:





Cosa dice di lui ANDREA CARLO CAPPI:
"State attenti quando incontrate Mundadori.
Può sembrarvi innocente come il Bianconiglio e indurvi a seguirlo fiduciosi. Se già il Paese delle
Meraviglie è in realtà tutt’altro che rassicurante, i luoghi in cui può portarvi lui sono ancora più
inquietanti. Sono oltre la Zona del Crepuscolo. Anche quando vi ci avventurate in pieno giorno e
vi illudete che la luce rassicurante della realtà e della scienza vi possano proteggere.

Entrate anche voi nello strano mundus di Mundadori.
Ma chiudete bene la porta di casa.
Non si può mai sapere.
"




REGOLE DEL GIVEAWAY:


  • Diventate followers pubblici del blog. (Colonna a sinistra, cliccare il bottone azzurro "unisciti a questo sito")
  • Lasciate un commento di senso compiuto sotto questo post, inclusa la vostra email. (In caso di vincita, servirà per contattarvi)
  • Se diventerete fan di questa pagina (specificate con quale nome lo siete diventati) --> BookEmpathy; Facebook Page, riceverete un punto in più, e il vostro nome apparirà due volte nella lista dei partecipanti durante l'estrazione. (Più possibilità di essere estratti)
  • L'estrazione avverrà il 02/02/12 



Buona fortuna a tutti!

21 gennaio 2012

Libro & Film: Chocolat (doppia recensione)

No, non sono sparita. :3 Buonasera a tutti!
Tra vacanze e inizio scuola, purtroppo ho abbandonato per molto tempo il blog. Ora però sono pronta a ripartire, portandovi tante novità, pian pianino. Questa sera, per farmi perdonare un po', vi porto una doppia recensione di una storia che ho amato: Chocolat, di Joanne Harris!


IL LIBRO



Titolo: "Chocolat"
Autore: Joanne Harris
Editore: Garzanti Libri
Prezzo: 9,90 €
Considerazioni: 4/5




  


TRAMA:

È martedì grasso quando nel villaggio di Lansquenet arrivano Vianne Rocher e la sua giovane figlia Anouk. La donna è assai simpatica e originale, sexy e misteriosa, forse è l'emissaria di potenze superiori (o magari inferiori). La Céleste Praline, la sua pasticceria, ben presto diviene un elemento di disordine, soprattutto per il giovane curato Francis Reynaud. Il tranquillo villaggio diventa più disordinato, ribelle e soprattutto felice.


COMMENTO:

Oggi voglio essere drastica. Partiamo prima con i difetti. Cos'ha che non va, questo libro? Fondamentalmente nulla. Confesso però la mia delusione per la coppia Vianne - Roux. Sotto sotto, ammetto di essere una romantica che mira sempre al lieto fine, mentre qui ho ricevuto un po' d'amaro in bocca. Per tutto il libro ho trovato ben poche scene che facessero riferimento all'interesse tra i due, e a fine storia (SPOILER) mi ritrovo Vianne e Roux completamente presi dalla loro passione sotto casa di Armande. Mi ha lasciata un po' di stucco, e ho trovato la cosa un po' troppo frettolosa proprio perché precedentemente erano stati ben pochi gli accenni ad una passione in procinto di sbocciare.
Altra delusione, ma puramente soggettiva, è stato il fatto che quella passione sia nata all'improvviso e "svanita" in altrettanto modo. Metto "svenita" tra virgolette perché poi ci viene data la sicurezza che in realtà l'attrazione vera, l'amore, se così vogliamo chiamarlo, nasce tra Roux e Josephine.
Annunciata questa mia amarezza, non ho altri difetti da segnalare.
Il linguaggio l'ho trovato ottimo: nulla di troppo pesante, ma tagliente, ironico e a suo modo ugualmente elaborato. Una piacevolissima lettura che non scade nel banale.
Un po' noiosette alcune parti in cui parla il curato. In altre, invece, mi sono divertita tantissimo, soprattutto verso la fine! Sono molto in sintonia col pensiero riguardante la chiesa che il libro, a parer mio, vuole trasmettre. Il mondo dei credenti è visto con molta ironia e sarcasmo. Vianne rappresente l'ostacolo, il nemico, la "diversa". Non è praticante (ma è colma di bontà), ha una figlia illeggittima (ma che ama), fa amicizia con gli zingari (senza alcun pregiudizio). Cosa ci vuole far capire tutto ciò?
L'apparenza, la fintà moralità che gira tra la gente e che la chiesa pretende di praticare (ma non mi dilungherò più su questo discorso: dovrei fare un bel dibattito a parte), i pregiudizi: tutto risulta superfluo e contro la propria personalità.
Il curato che, alla fine, dopo settimane di digiuno, cede al piacere e s'ingozza di cioccolatini e diventa lo zimbello del paese. Una sorta di rivincita della giustizia.
Questo è ciò che il libro mi ha trasmesso, oltre ad una perenne aquolina in bocca (!)
Sì, perché, diciamocelo, questo libro è un cioccolatino vivente. Forse anche qui troviamo un leggero difetto: l'autrice si è concentrata troppo sulla descrizione del cibo, sui caffé e le cioccolate calde da dare ai clienti. A parer mio, avrebbe potuto omettere alcune cose e sostituirle con altre, che poi andremo a vedere nel film.
Nonostante tutto mi complimento, perché la caratterizzazione dei personaggi è totalmente riuscita.
E' da quando ho letto "Orgoglio e pregiudizio" (sarà passato un anno e qualcosa?) che non trovavo delle caratterizzazioni ben fatte come queste (e quelle). Tutti personaggi molto coerenti, ognuno con le proprie fisse, passati, preoccupazioni e storie.
Bello e originale anche l'aver introdotto la magia, quell'atmosfera surreale e misteriosa che si mischia con la realtà quotidiana. Ci si ritrova in un mondo a parte, quello di Vianne e di Anouk: un mondo di sofferenze e paure, ma anche di gioie e soddisfazioni.

Consigliato? Assolutamente. Un libro senza troppe pretese, ma che riesce a lasciare una parte di sé (e dei suoi bellissimi personaggi) in chi lo legge.  




IL FILM


Titolo: "Chocolat"
Personaggi: Juliette Binonche, Johnny Depp,
Judi Dench, Alfred Molina
Data: 2000
Considerazioni: 5/5






COMMENTO: 

E' un evento raro che un film tratto da un libro riesca a piacermi più di quest'ultimo.
Ebbene, è successo proprio con Chocolat.
Prima di tutto m'inchino agli attori, fantastici e che hanno reso il film un gioiello.
Vengo poi alla storia, premettendo che non è estremamente fedele al libro, e che ciò non è una cosa affatto negativa (oserei dire: anzi!). La mia indole da romanticona-viva-il-lieto-fine viene soddisfatta: Roux torna, e torna per lei. (Non si accenna neanche ad alcun interesse verso Josephine), e soprattutto gli accenni ad un interesse già si mostravano dagli esordi (va bene, lo sgaurdo di Depp mi ha sciolta due o tre volte). Altra cosa che mi è piaciuta molto è stato il finale, diverso da quello del libro. Li ho adorati entrambi, eh, ma quello del film secondo me è più appropriato: il curato si arrende, ammette i suoi sbagli (dopo la clamorosa figurona di lui disteso sulla vetrina dei cioccolatini a dormire, vorrei bene vedere.), e si ha in qualche modo un'evoluzione del personaggio. Nel libro, invece, se la dava a gambe levate XD. Bella anche l'evoluzione che ha subito Caroline (che in qualche modo c'era anche nel libro), poiché finalmente riesce ad aprirsi sia con se stessa che con suo figlio.
Molte scene sono state aggiunte, molti fatti stravolti ma in modo sempre positivo, e ammetto che alcune di queste scene le avrei preferite anche nel libro. (Quando vianne decide di lasciare il paese, ad esempio. Ho versato lacrimoni). Piacevolissimi anche gli spezzoni comici e demenziali, che rendono bene l'idea dei personaggi che ci ritroviamo di fronte.
Ora che mi viene in mente, però, anche al film manca qualcosa del libro:  non si approfondisce molto il personaggio di Guillaume e del suo cane. Un aspetto che avevo amato soprattutto perché veniva approfondito l'amore che provava il padrone per il suo animale. L'ho trovata una cosa  davvero bella e tenera, ma che nella chiesa, ovviamente, veniva vista in modo superficiale e penoso. Nel film questo non c'è, o meglio, c'è ma in modo poco approfondito. D'altro canto non si può pretendere tutto.

Anche Anouk, inoltre, è un personaggio che mi è sempre piaciuto. E' una bambina intelligente, comprensiva. Mi piace. E' ben equilibrata, ed io apprezzo molto caratteri simili.

Rimarrò dell'idea che libro e film si completino tra loro.
Ad ogni modo, senza togliere nulla alla storia scritta, il film mi è piaciuto di più, e ovviamente lo consiglio davvero a tutti!
(Le colonne sonore le amo.)