11 aprile 2012

"Chimera" presenta alla Feltrinelli: "Tre Volte all'Inferno", di Cristian Borghetti

Nuova presentazione di un libro davvero interessante e dalle tinte gotiche!
Non perdetevela!













CHIMERA BOOKS & READING


associazione culturale creata da Filomena Cecere, Sara Cecere, Cinzia Volpe e per la sezione giovani Ludovica De Santis con lo scopo di promuovere, divulgare e valorizzare l’arte e la cultura in genere,

presenta
in collaborazione con



LA FELTRINELLI- via Diaz, 10 – Latina



la rassegna mensile
“Giovedì D’Autore”



Giovedi 12 Aprile 18.00, presso i locali della libreria La Feltrinelli in via Diaz, 10 - Latina

“Tre Volte all'Inferno”
di Cristian Borghetti
Perdisa Editore






Sarà presente all’evento l’autore Cristian Borghetti, interverrà lo scrittore Fabio Mundadori
Moderano l’evento la scrittirice Filomena Cecere e la fotografa e scrittrice Cinzia Volpe.




Partners dell’evento i Blogs





L'AUTORE



Cristian Borghetti è nato a Lecco il 10 settembre 1970. Ha studiato Filosofia Estetica all’Università di Milano. Nell’ottobre del 2006 ha pubblicato la raccolta Ora di vetro (Montedit). Si definisce uno scrittore –eroicamente naif-
Scrive su blog letterari quali http://www.orasenzombra.com/ e http://latelanera.com/

Il suo sito è www.cristianborghetti.it





L'OPERA

Titolo: Tre volte all’inferno
Autore: Cristian Borghetti
Casa editrice: Gruppo Perdisa Editore
Genere: New Gothic
ISBN: 978-88-8372-546-3
Prezzo: euro 18,50
Pubblicazione: 2011



Tre volte all’inferno. Tre racconti in stile gotico, che riportano alla letteratura dell’orrore. Miscelando sapientemente linguaggi antichi e atmosfere storiche, Cristian Borghetti crea un mondo evocativo e surreale. Le sue visioni oniriche trascinano il lettore in un universo di incubi e paure, di sangue e di erotismo, di macabri labirinti mentali. Un viaggio allucinante e sconvolgente da dove il lettore non vorrà più tornare.

Nel primo racconto un assassino spietato si aggira per la magione di Bosco Oscuro alla fine dell’Ottocento. Incaricato delle indagini è il colonnello Flauros Ferramano. La caccia lo porta sulle tracce del suo antico nemico, Asmodeo Colonna, vittima della follia e uomo dotato di incredibile astuzia. Il secondo racconto è ambientato in una surreale Parigi della Belle Époque. Durante uno spettacolo teatrale, gli attori della commedia vengono trucidati. Il drammaturgo, accusato del massacro, è tratto in arresto. Finisce in carcere, davanti al tribunale e in manicomio. Ma questo non è che l’inizio del suo martirio.
Nell’ultimo racconto, mentre la Chiesa indaga sui misteriosi accadimenti che hanno sconvolto una contrada della provincia italiana, un uomo è tormentato da ombre spaventose: un monaco senza sguardo, un orrendo basilisco, un’imponente torre che racchiude un enigma.

«Cristian Borghetti: la nuova frontiera del gotico». 
(Alan D. Altieri)




Nessun commento: